Amazzonia, 450 Ong contro Ue-Mercosur

Mar 16, 2021

«Lede ambiente e diritti. Minisrto di Maio prende posizione»
di Redazione

amazzonia«L’accordo commerciale Ue-Mercosur è un pessimo affare per le persone, i lavoratori, gli animali e l’ambiente, perchè minaccia la vita dell’Amazzonia e le economie di piccola scala». A sostenerlo oltre 450 organizzazioni della società civile di entrambe le sponde dell’Atlantico, tra cui la Campagna Stop Ttip Italia, lanciando quest’oggi una dichiarazione congiunta affinchè i leader politici di Europa e America Latina sospendano l’accordo. Secondo Monica Di Sisto, portavoce della campagna italiana, «il trattato appartiene a un modello commerciale obsoleto che ha contribuito alla crisi climatica. Serve unicamente gli interessi delle grandi aziende a scapito dell’ambiente, e divarica ulteriormente la forbice delle disuguaglianze».

«L’accordo consiste – spiega Di Sisto – in uno scambio fra carne e biocarburanti dal latinoamerica e automobili tedesche. Otre agli impatti sull’agricoltura europea, rappresenta quindi una minaccia imminente per i posti di lavoro nel settore industriale dei paesi del Mercosur. Non fa bene a nessuno perpetuare la dipendenza dell’America latina dall’esportazione a basso costo di materie prime ottenute attraverso la distruzione di risorse naturali. Dovremmo piuttosto favorire lo sviluppo di economie solide, diversificate e resilienti, privilegiando le filiere corte e il mercato interno. Tutto il contrario dell’accordo Ue-Mercosur».

Di Sisto chiede al ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Luigi Di Maio di prendere posizione sul tema. «E’ preoccupante – ha detto la responsabile – che non si sia ancora espresso nonostante le ripetute sollecitazioni del mondo agricolo, sindacale e associativo».

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.