lunedì, Settembre 16

Politica e Società

La Biblioteca Maovaz di Ventotene vista dai ragazzi del Manzoni di Latina

La Biblioteca Maovaz di Ventotene vista dai ragazzi del Manzoni di Latina

Politica e Società
Un lavoro per avvicinare un gruppo di giovani studenti medi alla storia contemporanea. Come si legge nell’introduzione al libello intitolata «Un gruppo di millennials in archivio», per la prima volta i ragazzi hanno messo piede in un archivio storico, luogo lontanissimo dalla loro vita quotidiana, dalle loro abitudini, hanno ricevuto i primi rudimenti su cosa sia e a cosa serva questo luogo un po’ misterioso ma così prezioso per la nostra memoria collettiva. In uno stretto arco di tempo si sono misurati con una ricerca storica, con l’indagine sulle fonti bibliografiche e di archivio, con una visita sul campo, a Ventotene. E con la narrazione scritta. Hanno visitato e appreso la funzione degli istituti di conservazione sia del loro territorio, l’Archivio di Stato di Latina, sia sul pian
Il riscaldamento globale incide sulle alluvioni e le influenza

Il riscaldamento globale incide sulle alluvioni e le influenza

Politica e Società
Il cambiamento climatico influenza le alluvioni. Uno studio internazionale ha dimostrato per la prima volta su scala europea che il riscaldamento globale porta a modificare l'entità degli eventi alluvionali: aumentano nei paesi nord occidentali, diminuiscono in quelli meridionali e orientali, mentre in Italia la situazione è più complessa. A dimostrarlo è uno studio internazionale coordinato da Günter Blöschl, esperto di piene fluviali della Vienna University of Technology (Austria). Pubblicato su Nature, la ricerca (che ha analizzando i dati provenienti da 3.738 stazioni di misura di portate fluviali per il periodo dal 1960 al 2010) ha coinvolto 35 gruppi di ricerca europei tra i quali il Politecnico di Torino con il gruppo di ricerca composto da Alberto Viglione, Daniele Ganora e Pier
«Di mano in mano». Studenti insieme per contrastare il caro libri

«Di mano in mano». Studenti insieme per contrastare il caro libri

Politica e Società
Si chiama «Di mano in mano». E’ il nuovo progetto di Nonna Roma, Unione degli studenti, Anpi di Villa Gordiani e Libreria Todomodo, per il contrasto alla povertà educativa e a favore del diritto allo studio. «Di mano in mano» prenderà il via alla dalla fine di agosto negli spazi della libreria romana di via Bellegra 46. L’iniziativa della «Rete dei Numeri Pari» - che unisce centinaia di realtà sociali diffuse in tutta Italia – si concretizza in un mercatino del libro usato e in una raccolta di materiale scolastico per famiglie in difficoltà. «Recenti indagini dicono che le spese per studente si aggirano tra i 900 e i mille euro l’anno tra libri e corredo scolastico e questo rende sempre più difficile la possibilità per tante famiglie di sostenere questa spesa eccessiva - si legge nella
L’italiano, questo eterno sconosciuto

L’italiano, questo eterno sconosciuto

Politica e Società
«Non è la lingua a godere di poca salute, ma quelli che la parlano. L’insegnamento dell’italiano non è cosa facile, perché veniamo da una storia che ha prodotto larghe masse di analfabeti. Per educare alla lingua ci sarebbe voluto un programma di governo molto più ampio e scientificamente fondato ma non c’è mai stato. Certamente dall’Unità d’Italia si sono fatti dei passi avanti, ma la formazione del docente di italiano è la chiave principale». Così il presidente onorario dell’Accademia della Crusca, Francesco Sabatini, ha commentato il risultato degli ultimi test Invalsi, da cui è emerso che un ragazzo su tre, alle scuole medie, non riesce a comprendere un testo in italiano. Al di là delle critiche al sistema Invalsi, più volte oggetto di polemiche, i risultati fanno rabbrividire perché e
Le coste italiane nella morsa del cemento illegale

Le coste italiane nella morsa del cemento illegale

Politica e Società
Case vista mare costruite nel disprezzo delle leggi, del paesaggio, del diritto collettivo a poterne godere e della sicurezza di chi ci vive. Spesso si trovano intere cittadelle dove nemmeno c’è un mattone in regola. Il cemento illegale ha invaso negli ultimi decenni le coste italiane e ancora oggi sembra esserci una sola certezza: poco o nulla viene buttato giù. Le demolizioni dei manufatti abusivi sono ferme e nelle zone costiere questa inerzia è ancora più evidente. Bastano pochi numeri per capire il fenomeno. Secondo Legambiente sono 32.424 le ordinanze di demolizione emesse dal 2004 al 2018 in poco piu' del 20% dei comuni costieri italiani, che hanno risposto all'indagine «Abbatti l'abuso». Di queste solo 3.651 sono state eseguite, poco più dell'11 per cento. E se nelle aree intern
Riciclare plastica per costruire scuole. L’Unicef scommette in Costa D’Avorio

Riciclare plastica per costruire scuole. L’Unicef scommette in Costa D’Avorio

Politica e Società
Convertire i rifiuti in plastica in mattoni. E poi utilizzarli per costruire una scuola. In Costa D’Avorio si può. Il progetto è dell’Unicef - che sta costruendo una fabbrica in collaborazione con l'azienda sociale Conceptos Plasticos - per la conversione dei rifiuti in mattoni di plastica riciclata. Mattoni resistenti al fuoco, più economici, più leggeri e con una durata stimata in centinaia di anni di più rispetto ai materiali di costruzione convenzionali. «Talvolta, all'interno delle nostre sfide più pressanti, si nascondono opportunità promettenti - ha dichiarato Henrietta Fore, direttore generale dell'Unicef - Questo è più che un progetto di gestione dei rifiuti». Ogni giorno ad Abidjan vengono prodotte oltre 280 tonnellate di rifiuti in plastica. Solo il 5 per cento viene riciclat
Crescono le donne che praticano sport. Più 12% in dieci anni

Crescono le donne che praticano sport. Più 12% in dieci anni

Politica e Società
Crescono le donne che praticano sport in italia. Oggi sono quasi 18milioni, che corrispondono al 60 per cento del totale delle donne e al 48 per cento di tutti gli sportivi. Negli ultimi dieci anni sono aumentate dell'11,9 per cento. A crescere di più chi pratica sport in modo continuativo, che oggi sono 6.528.000 (più 25,5 per cento dal 2008). La fotografia è del Censis, l’istituto di ricerca socio-economica italiano fondato nel 1964. I risultati sono il frutto di un'indagine condotta nell'ambito del progetto Respect-Stop Violence Against Women, realizzato dal Censis con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità, della Presidenza del Consiglio dei ministri. Un progetto per stimolare una riflessione collettiva sul valore sociale della donna e promuovere un cambiamento nei comp
«Se abbandoni sei complice». Il Comune di Roma in difesa degli animali domestici

«Se abbandoni sei complice». Il Comune di Roma in difesa degli animali domestici

Politica e Società
«Se abbandoni sei complice». Parte così la campagna estiva del Comune di Roma per difendere gli amici a quattro zampe dai gesti crudeli degli umani. A fare da testimonial - insieme con il cagnolino Benji - l'attore romano Stefano Fresi. Oltre mille manifesti sono affissi sul territorio della Capitale, nei punti strategici, per sensibilizzare e responsabilizzare i cittadini. Ci sarà poi una vasta informazione social e spot radiofonici. «Ogni anno promuoviamo questa campagna di sensibilizzazione che mette al centro i diritti degli animali – ha detto la Sindaca di Roma Virginia Raggi, durante la presentazione dell’iniziativa -  Da gennaio a oggi abbiamo accolto più di 810 animali nei due canili comunali di Muratella e Ponte Marconi. Negli stessi mesi, ben 513 esemplari sono stati adottati.
Sempre di meno e più vecchi. Nel 2050 saremo 58milioni. Parola di Istat

Sempre di meno e più vecchi. Nel 2050 saremo 58milioni. Parola di Istat

Politica e Società
A metà secolo saremo di meno e più vecchi. Il calo delle nascite, l’invecchiamento della popolazione, la perdita di residenti che si sta consolidando ormai da qualche anno, condurrà il Paese a perdere 2,2 milioni di abitanti entro il 2050. Dal 2015 ad oggi siamo già quattrocentomila in meno. E’ un declino demografico costante, basti pensare che sono stati 439mila i bambini iscritti all'anagrafe lo scorso anno, 140 mila in meno rispetto al 2008, mentre i decessi sono aumentati di 50mila unità rispetto a undici anni fa. «Una recessione demografica – spiega Gian Carlo Blangiardo, presidente Istat - di cui si ha memoria nella storia d'Italia solo risalendo al lontano biennio 1917-1918, un'epoca segnata dalla grande guerra e dai successivi drammatici effetti dell'epidemia di spagnola». Le st
In Italia cinque milioni di persone in povertà assoluta

In Italia cinque milioni di persone in povertà assoluta

Politica e Società
Nessun miglioramento sul fronte della povertà assoluta in Italia. Quasi due milioni le famiglie in questa condizione. «Nel 2018 – fa sapere l’Istat nel rapporto sulla povertà in Italia - si stimano oltre 1,8 milioni di famiglie in povertà assoluta (con un’incidenza pari al 7 per cento), per un totale di 5 milioni di individui (incidenza pari all’8,4 per cento)». L’incidenza delle famiglie in povertà assoluta si conferma superiore nel Mezzogiorno (9,6 per cento nel Sud e 10,8 per cento nelle Isole), mentre nel Nord Ovest è al 6,1 per cento e nel Nord-est e Centro raggiunge una percentuale pari al 5,3. Ad essere povere sono le famiglie numerose e quelle con un solo genitore, mentre la situazione migliora nelle famiglie all'interno delle quali la persona di riferimento è istruita, ha un ti