Aumentano gli italiani che si trasferiscono all’estero

Gen 20, 2021

Il record è verso la Gran Bretagna. Tre su quattro hanno 25 anni e uno su tre è laureato. Meno 28 per cento gli immigrati dei paesi africani. Lo certifica il report annuale dell'Istat
di Ni. Lu.

Aumentano gli italiani che si trasferiscono all'esteroAumentano gli italiani che si trasferiscono all’estero. Nel 2019 le cancellazioni anagrafiche per l’estero – ovvero le emigrazioni – sono poco meno di 180mila ( più 14,4 per cento sul 2018). Tre su quattro riguardano italiani (122mila, +4,5 per cento). Le iscrizioni anagrafiche dall’estero – vale a dire le immigrazioni – sono stabili sul 2018 (circa 333mila, +0,1%). Diminuiscono quelle dei cittadini stranieri (265mila, -7,3%) mentre sono in forte aumento i rimpatri degli italiani (68mila, +46%). Lo rileva l’Istat nel report sulle «Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche della
popolazione residente – Anno 2019».

Quasi tre cittadini italiani su quattro trasferitisi all’estero nel 2019 hanno 25 anni o più (circa 87mila): uno su tre (28mila) è in possesso di almeno la laurea. La mobilità interna ammonta a oltre 1 milione 485mila trasferimenti (+9%). E’ di 899 mila il numero di italiani trasferiti all’estero negli ultimi 10 anni. Di questi, 208mila (23 per cento) sono in possesso almeno della laurea. E’ invece del meno 28 per cento il numero degli immigrati provenienti da Paesi africani. Infine, segnano un più 49 per cento gli espatri nel Regno Unito. Nel 2019 record di emigrazioni di italiani con questa destinazione (31mila).

È il Nord la ripartizione di residenza da cui partono i flussi più consistenti di trasferimenti all’estero di cittadini italiani, in termini sia assoluti (59mila, pari al 49 per cento degli espatri) sia relativi rispetto alla popolazione residente (2,4 italiani per mille residenti). Dal Mezzogiorno si sono trasferiti all’estero oltre 43mila italiani (2,2 per mille) mentre dal Centro sono espatriati circa 19mila connazionali, con un tasso di emigratorieta’ (1,8 per mille) sotto la media nazionale.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest