Covid e spostamenti. Un vademecum dedicato i malati rari

Gen 19, 2021

Orientarsi nei cambiamenti che i Dpcm apportano alla quotidianità. Ecco l'approfondimento dell'Osservatorio malattie rare
di Fra. Li.

Un vademecum dedicato i malati rariUn vademecum per restare aggiornati sui cambiamenti che i Dpcm apportano alla quotidianità delle persone con malattie rare e con disabilità. Non è facile per loro districarsi nel burocrazia e tra i dettagli legali, né capire se e come cambiano le tutele e le agevolazioni stabilite. Per questo lo Sportello legale dell’Osservatorio malattie rare –  dopo gli ultimi aggiornamenti normativi del 14 gennaio scorso – rende disponibile un vademecum che rientra in una serie di approfondimenti periodici realizzati per orientarsi con i nuovi cambiamenti. L’approfondimento è è consultabile in versione integrale a questo link.

Lo stato di emergenza nazionale è stato prorogato al 30 aprile di quest’anno, posticipando la precedente scadenza al 31 gennaio 2021. Ciò implica, tra le altre cose, anche l’estensione delle misure a sostegno dei cittadini, in particolare quelli più fragili. Ecco in sintesi il vademecum. Accesso a strutture di lungodegenza e Rsa. L’accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e di lungodegenza, residenze sanitarie assistite, hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura. Disposizioni specifiche per la disabilità.  Si sottolinea l’importanza delle attività sociosanitarie e sociali e le modalità con le quali possono essere svolte. L’ultimo Dpcm conferma la deroga al distanziamento sociale in una serie di casi specifici. Lavoro e congedi. La Legge di Bilancio 2021 ha ufficializzato la proroga dell’assenza giustificata dal posto di lavoro per i lavoratori dei settori privato e pubblico in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità o in possesso del riconoscimento di disabilità. L’intero periodo di assenza dal servizio debitamente certificato è equiparato a degenza ospedaliera fino al 28 febbraio 2021. Nessuna estensione ai congedi dei lavoratori disabili o caregiver di familiari disabili ai sensi della Legge 104/1992: i giorni usufruibili mensilmente restano tre. Sono state fornite tutte le istruzioni amministrative in materia di diritto alla fruizione del congedo parentale in caso di attivazione della didattica a distanza o alla chiusura dei centri residenziali e semiresidenziali per disabili. Una nota specifica riguarda i permessi per i lavoratori portatori di handicap grave in attesa di revisione o di certificazione. Inps ha chiarito la situazione esplicitando che in attesa di revisione i benefici restano validi. Anche su questo tema l’Osservatorio mette a disposizione uno specifico approfondimento.

Visita a parenti o amici. Qualsiasi sia il colore attribuito alla regione, il Dpcm mantiene aperta la possibilità di recarsi una volta al giorno, in orario compreso tra le 5 e le 22, in visita ad amici o parenti, all’interno della stessa regione (per le zone gialle) o dello stesso comune (per zone arancioni o rosse). Il numero massimo delle persone eccedenti gli abitanti della casa resta fissato a 2 ma è confermata l’eccezione che non fa rientrare nel computo complessivo, oltre ai minori di 14 anni, anche disabili e non autosufficienti. Il servizio di Sportello legale «Dalla Parte dei Rari» di Osservatorio malattie rare, attivato nel 2017, è oggi più che mai in prima linea per dare risposte ai malati rari e ai loro caregiver, ma più in generale alle persone in situazione di fragilità. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare la pagina dedicata al servizio.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest