Il cambiamento climatico affama gli elefanti

Ott 16, 2020

Tra il 2008 e il 2018 la qualità della vita dei pachidermi del Parco di Lopè è peggiorata a causa della scarsità di frutti maturi sugli alberi
di Redazione

Il cambiamento climatico affama gli elefantiIl cambiamento climatico affama gli elefanti. I mutamenti del clima Stanno riducendo inesorabilmente il cibo per i pachidermi del Gabon. Uno studio pubblicato sulla rivista «Science» da un gruppo di ricercatori locali e internazionali, guidato da Emma Rush e Robin Whytock, dell’Università di Stirling, nel Regno Unito getta un fascio di luce sui mutamenti del clima e sulle ricadute della popolazione animale. 

Gli studiosi evidenziano che i pachidermi del parco nazionale di Lopè hanno subito un peggioramento delle condizioni di vita e di salute nel decennio 2008-2018 a causa della scarsità della frutta di cui questi animali si nutrono. La ricerca ha documentato infatti un calo della produzione di frutta nell’area del parco dell’81 per cento in 32 anni, dal 1986 al 2008. Lo studio si è basato sull’analisi di due database. Il primo riguardava la presenza di fiori, frutti verdi o maturi sugli alberi di 73 specie nel parco, 14 delle quali costituiscono una grossa fetta della dieta dei pachidermi. Il secondo raccoglieva 80mila foto scattate a questi animali negli ultimi 20 anni, nel parco nazionale.

«In media – hanno scritto Rush e Whytock – elefanti e altri animali hanno trovato frutti maturi su un albero su dieci negli anni 80, ma ora devono cercarne più di 50 per trovarli». Per i ricercatori gli scenari futuri sono critici.«La carestia di frutta in una delle ultime roccaforti per gli elefanti delle foreste africane – hanno detto Rush e Whytock – dovrebbe destare preoccupazione per la capacità di questa specie e di altre di sopravvivere nel lungo termine».

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest