Blitz antidroga a Tor Bella Monaca. 20 arresti. Preso «O Principe»

Nov 11, 2019

Le forze dell’ordine smantellano un’organizzazione criminale che gestiva un giro di affari di 200mila euro al mese
di Redazione

Maxi operazione antidroga a Tor Bella Monaca, periferia della Capitale. I carabinieri hanno dato esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare che ha disposto l’arresto di 20 persone (15 in carcere e 5 ai domiciliari, tra cui tre donne) emessa dal gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.

Le complesse indagini dei carabinieri – sotto le direttive della Dda – hanno consentito di accertare l’esistenza di un articolato sodalizio criminale dedito al traffico di cocaina tra le palazzine popolari di via dell’Archeologia con un giro d’affari pari a circa 200mila euro mensili, oltre 350 episodi di spaccio al giorno. Tra gli alloggi popolari, tutto era stato organizzato secondo un vero e proprio modello aziendale: c’erano – secondo quanto emerso dalle indagini – «vedette che avevano sia il compito di indirizzare i clienti verso i pusher che stavano nascosti tra gli androni dei palazzi per non farsi notare sia quello di avvisarli in caso di eventuale arrivo delle forze dell’ordine». E c’erano «incaricati del rifornimento degli involucri di cocaina nonché di raccogliere i proventi dell’attività illecita».

Al vertice dell’organizzazione c’era «Il Principe». C’era, perché anche lui è caduto questa mattina nella rete degli investigatori.  Si era affermato come uno dei criminali più in vista del quartiere. La sua propensione a delinquere, l’assoluta e sprezzante noncuranza di ogni forma di regola, è stata certificata nell’episodio documentato dagli inquirenti in occasione del suo compleanno: «benché ristretto in regime di arresti domiciliari con divieto di comunicare con persone diverse dai coabitanti – si legge nell’ordinanza firmata dal gip Cinzia Parasporo – aveva organizzato una festa, invitando (oltre a numerosi pregiudicati del quartiere) un cantante neomelodico».  A fare da coreografia anche una grande torta con la scritta  principe,  una pistola (verosimilmente finta) e banconote di grosso taglio. «Il reato contestato- ha spiegato il Procuratore aggiunto della Repubblica, Michele Prestipino – è di associazione riferita al traffico sulla piazza di spaccio a Tor Bella Monaca. Quella di oggi è un’attività in prosecuzione con quella del mese scorso, che aveva prodotto altre ordinanze». Poche settimane fa infatti l’operazione «Ferro di cavallo» – con l’arresto 16 persone – aveva smantellato un’associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest