Riciclare plastica per costruire scuole. L’Unicef scommette in Costa D’Avorio

Ago 5, 2019

di Francesca Lici

Riciclare plastica per costruire scuoleConvertire i rifiuti in plastica in mattoni. E poi utilizzarli per costruire una scuola. In Costa D’Avorio si può. Il progetto è dell’Unicef – che sta costruendo una fabbrica in collaborazione con l’azienda sociale Conceptos Plasticos – per la conversione dei rifiuti in mattoni di plastica riciclata. Mattoni resistenti al fuoco, più economici, più leggeri e con una durata stimata in centinaia di anni di più rispetto ai materiali di costruzione convenzionali.

«Talvolta, all’interno delle nostre sfide più pressanti, si nascondono opportunità promettenti – ha dichiarato Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef – Questo è più che un progetto di gestione dei rifiuti». Ogni giorno ad Abidjan vengono prodotte oltre 280 tonnellate di rifiuti in plastica. Solo il 5 per cento viene riciclato – il resto finisce principalmente in discarica. La Costa d’Avorio ha bisogno di 15mila aule per soddisfare le necessità dei bambini. Così, la plastica riciclata, raccolta da zone inquinate ad Abidjan e dintorni sarà utilizzata per costruire 500 aule per oltre 25mila bambini.

«Questa fabbrica sarà all’avanguardia per soluzioni intelligenti e replicabili su scala per alcune delle maggiori sfide per l’istruzione che i bambini e le comunità africane affrontano – ha aggiunto Fore – Il suo potenziale è triplice: un numero maggiore di aule per i bambini, rifiuti in plastica ridotti nell’ambiente e possibilità di guadagno aggiuntivo per le famiglie più vulnerabili». A lavori ultimati, la fabbrica potrà riciclare infatti 9.600 tonnellate di plastica l’anno e darà lavoro alle donne che vivono in condizioni di estrema povertà.

«Abbiamo collaborato con l’Unicef perché vogliamo che il nostro modello d’impresa abbia un impatto sociale – ha spiegato Isabel Cristina Gamez, cofondatrice e Ceo di Conceptos Plasticos -Trasformando l’inquinamento da plastica in un’opportunità, vogliamo aiutare a fare uscire le donne dal circuito della povertà e lasciare un mondo migliore ai bambini». «Una delle maggiori sfide che i bambini in età scolare ivoriani affrontano è la mancanza di aule – ha aggiunto il rappresentante dell’Unicef, Aboubacar Kampo – I bambini dei quartieri poveri potranno entrare nelle aule. Sono bambini che non avrebbero mai pensato che ci sarebbe stato un posto per loro a scuola».

Il precedente esiste già: utilizzando mattoni di plastica fabbricati in Colombia, sono state costruite nove aule a Gonzagueville, Divo e Toumodi. Un modello che potrebbe essere replicato in altri paesi del continente, considerando che l’Africa centrale e occidentale ospita un terzo dei bambini in età di scuola primaria e un quinto in età di scuola secondaria del mondo. Ma queste giovani generazioni non hanno accesso all’istruzione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.