lunedì, Aprile 22

Emergenza buche a Latina


La Uil scrive al sindaco Coletta: serve una mobilitazione generale per ottenere i finanziamenti

di Giancarlo Narosi

Emergenza buche a Latina Che sia centro o periferia, che ci si trovi a due passi dal mare o nei sobborghi interni, la situazione a Latina non cambia. Il panorama è identico: buche, voragini sull’asfalto. Buche talmente grandi da mettere a rischio la sicurezza di automobilisti e pedoni. Una vera e propria emergenza in città che ha spinto la Uil a scrivere al sindaco Damiano Coletta perché «la situazione della viabilità sia urbana che extraurbana, è destinata a non trovare soluzioni efficaci per chissà quanto tempo ancora».

«Abbiamo appreso – scrive il segretario generale della Uil Latina, Luigi Garullo – che a fronte di una stima approssimativa di circa 50 milioni di euro, necessari per mettere in sicurezza le strade del nostro territorio, la possibilità di spesa del Comune è di circa un milione e mezzo, reperibile nelle pieghe del bilancio, al quale aggiungere un possibile prestito bancario di circa tre o quattro milioni di euro. Sembra che queste risorse, al momento ancora virtuali, siano destinate a tamponare alcune emergenze e solo in alcune strade cittadine».


La viabilità è un percorso a ostacoli. Ma non solo. «Non sono solo le buche più grandi e profonde a creare allarme – spiega Garullo – anche il manto stradale è ormai deteriorato e fragile. Le toppe che vengono messe durano fino alla successiva pioggia e in ogni caso permane una situazione di grave pericolo per gli automobilisti, per i veicoli a due ruote e per i pedoni. Gran parte della segnaletica orizzontale è ormai invisibile, l’illuminazione stradale è carente e ogni percorso con qualunque veicolo è divenuto estremamente stressante».

«Non vogliamo ripetere cose che Lei certamente ben conosce e che sono oramai diventate un’autentica emergenza – si legge nella lettera che Garullo ha inviato al primo cittadino di Latina – Noi, e siamo certi anche Lei, non ci rassegniamo a questa situazione e vorremmo restituire alla nostra città ciò che dovrebbe essere garantito a tutti: semplicemente spostarsi in condizioni di sicurezza. Crediamo che sia compito di giunta e sindaco cercare soluzioni, anche attraverso l’apertura di un confronto con le istituzioni e le parti sociali della città. Siamo disponibili a fare la nostra parte per mobilitarci e chiedere che possano essere individuati per Latina i finanziamenti necessari. Siamo convinti che anche la cittadinanza, arrivata al limite della sopportazione, non farà mancare la sua voce. Ci auguriamo di fare insieme questa battaglia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *