Città verdi d’Italia, Viterbo galleggia a metà classifica

Nov 2, 2018

Pubblicato il 25esimo rapporto Ecosistema urbano di Legambiente e Ambiente Italia. Il dossier si basa su 17 parametri raggruppati in 5 macroaree: aria, acqua, rifiuti, trasporti, ambiente, energia
di Redazione

città verdìAria, acqua, mobilità, verde e rifiuti. Metà classifica per Viterbo. Se non addirittura peggio. La città dei Papi brilla solo per produzione di rifiuti urbani pro capite. Quarta posizione a livello nazionale, tra i comuni virtuosi. Con 397 chili per abitante, ogni anno. Per il resto c’è poco da gioire. Di sicuro il capoluogo della Tuscia non è tra le città più verdi d’Italia.

La città più verde d’Italia è invece Mantova, che si conferma per il secondo anno consecutivo. In coda il meridione con la Sicilia che vive una situazione di maggior sofferenza rispetto alle altre città del sud. È quanto viene fuori analizzando il 25esimo rapporto Ecosistema urbano di Legambiente e Ambiente italia.  Il dossier si basa su 17 parametri raggruppati in 5 macroaree (aria, acqua, rifiuti, trasporti, ambiente, energia). “A fronte di un ipotetico punteggio di 100 che spetterebbe a un capoluogo in grado di rispettare tutti i limiti di legge e di garantire una buona qualità ambientale per ognuno degli indicatori considerati – spiega il Sole 24 Ore che ha pubblicato il rapporto – è possibile scoprire in maniera interattiva il podio dei più virtuosi, la top 20”.

La città di Viterbo è 60sima su 104 contesti urbani presi in considerazione per la qualità dell’ecosistema urbano e 52sima per concentrazione di biossido di azoto. Sul fronte acqua, 89sima posizione per la capacità di depurazione dell’acqua e 23sima per utilizzo del trasporto pubblico, in tal caso su 45 piccole città prese in considerazione. In pole position invece per quanto riguarda il tasso di motorizzazione. Viterbo è 99sima con 73 macchine ogni cento abitanti. Cinquantacinquesimo posto per l’incidentalità stradale. Nel 2017 sulle strade viterbesi ci sono stati più di 5 morti ogni mille abitanti.

La situazione peggiora se si vanno poi a guardare i dati sull’uso efficiente del suolo, quint’ultima posizione a livello nazionale, la presenza di piste ciclabili (90sima), il solare termico e il fotovoltaico sugli edifici pubblici (85sima) e la raccolta differenziata (52sima). Non disponibili, infine, almeno per Legambiente e il Sole 24 ore, i dati su consumi idrici domestici e dispersione della rete, isole pedonali e verde urbano. Per questi tre fondamentali aspetti si deve ancora aspettare. Magari il prossimo anno.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest