Energia rinnovabile. Ecco il rapporto IEA Renewables 2023

Gen 12, 2024

La maggiore crescita si è registrata in Cina dove lo scorso anno è stata commissionata una quantità di energia solare fotovoltaica pari a quella del mondo intero nel 2022
di Redazione
energia rinnovabile

Foto tratta da www.pexels.com

La capacità mondiale di generare elettricità rinnovabile si sta espandendo più rapidamente che in qualsiasi momento degli ultimi tre decenni, dando al mondo una reale possibilità di raggiungere l’obiettivo di triplicare la capacità globale entro il 2030 che i governi hanno fissato alla conferenza sui cambiamenti climatici COP28 il mese scorso, afferma l’International energy agency – IEA in un nuovo rapporto. Secondo il rapporto IEA Renewables 2023, la capacità energia rinnovabile aggiunta ai sistemi energetici di tutto il mondo è cresciuta del 50 per cento nel 2023, raggiungendo quasi 510 GigaWatt (GW), con il solare fotovoltaico che rappresenta tre quarti delle aggiunte in tutto il mondo. La crescita maggiore si è verificata in Cina, che nel 2023 ha commissionato una quantità di energia solare fotovoltaica pari a quella del mondo intero nel 2022, mentre le aggiunte di energia eolica cinesi sono aumentate del 66% su base annua. Anche l’aumento della capacità di energia rinnovabile in Europa, Stati Uniti e Brasile ha raggiunto livelli massimi storici. Il rapporto riporta la prima valutazione completa delle tendenze globali di diffusione delle rinnovabili dalla conclusione della conferenza COP28 a Dubai di dicembre.

Renewables 2023 IEA mostra che, date le politiche e le condizioni di mercato esistenti, si prevede che la capacità globale di energia rinnovabile crescerà fino a 7.300 GW nel periodo 2023-28 coperto dalle previsioni. Il solare fotovoltaico e l’eolico rappresentano il 95% dell’espansione, con le energie rinnovabili che sorpasseranno il carbone e diventeranno la principale fonte di produzione elettrica globale entro l’inizio del 2025. Ma nonostante la crescita senza precedenti degli ultimi 12 mesi, il mondo deve fare di più per triplicare la capacità 2030, che i paesi hanno concordato di fare alla COP28. Quel che è necessario per triplicare le rinnovabili entro il 2030 varia in modo significativo da Paese a Paese, della regione e della tecnologia, segnala IEA. Il rapporto delinea un caso accelerato in cui un’attuazione più rapida delle politiche spinge la crescita della capacità di energia rinnovabile del 21% in più rispetto alle previsioni principali, il che spingerebbe il mondo a essere sulla buona strada per soddisfare l’impegno globale di triplicazione. Nelle economie avanzate e nelle grandi economie emergenti, ciò significherebbe affrontare sfide come l’incertezza politica in un ambiente economico fragile, gli investimenti insufficienti nelle infrastrutture di rete per accogliere quote maggiori di energie e le ingombranti barriere amministrative e i ritardi nelle autorizzazioni. In altre economie emergenti e in via di sviluppo, l’accesso ai finanziamenti, una governance forte e quadri normativi robusti sono essenziali per ridurre i rischi e attrarre investimenti, compresa la definizione di nuovi obiettivi e politiche nei paesi in cui non esistono ancora. IEA prevede che la diffusione del solare fotovoltaico e dell’eolico onshore fino al 2028 sarà più che raddoppiata negli Stati Uniti, nell’Unione Europea, in India e in Brasile, rispetto agli ultimi cinque anni. I prezzi dei moduli solari fotovoltaici nel 2023 sono diminuiti di quasi il 50% su base annua, con riduzioni dei costi e una rapida implementazione destinate a continuare. Questo perché si prevede che la capacità produttiva globale raggiungerà i 1.100 GW entro la fine del 2024, superando notevolmente la domanda. Al contrario, l’industria eolica (al di fuori della Cina) si trova ad affrontare un ambiente più difficile a causa di una combinazione di continue interruzioni della catena di approvvigionamento, costi più elevati e tempi lunghi per le autorizzazioni, che richiedono una maggiore attenzione politica.

EA Renewables 2023 fornisce poi una verifica concreta sullo slancio che spinge l’idrogeno green da fonti rinnovabili, valutando quanti progetti annunciati probabilmente andranno avanti. Di tutti quelli annunciati nel mondo per l’utilizzo delle rinnovabili per la produzione di idrogeno in questo decennio, si prevede che solo il 7 per cento della capacità proposta sarà operativo entro il 2030. Per convincere pienamente gli investitori, gli annunci di progetti ambiziosi dovranno essere seguiti da politiche coerenti a sostegno della domanda. Nel 2023 è venuto alla ribalta anche il ruolo dei biocarburanti. Si prevede che le economie emergenti, guidate da Brasile e India, guideranno il 70% della domanda globale nei prossimi cinque anni, poiché i biocarburanti inizieranno a mostrare il loro vero potenziale in settori difficili da abbattere come i viaggi aerei e come sostituti di carburanti altamente inquinanti. come il diesel. Sebbene la diffusione dei biocarburanti stia accelerando, il rapporto IEA mostra che ciò non sta accadendo abbastanza rapidamente, con un aumento significativo della domanda richiesto entro il 2030 necessario per allineare i biocarburanti con un percorso di zero emissioni nette

«Il nuovo rapporto dell’IEA mostra che con le politiche e le condizioni di mercato attuali – spiega il direttore esecutivo dell’IEA Fatih Birol –  la capacità rinnovabile globale è già sulla buona strada per aumentare di due volte e mezzo entro il 2030. Non è ancora sufficiente per raggiungere l’obiettivo COP28 di triplicare le energie rinnovabili, ma dobbiamo si stanno avvicinando – e i governi hanno gli strumenti necessari per colmare il divario. L’eolico onshore e il solare fotovoltaico sono oggi più economici dei nuovi impianti a combustibile fossile quasi ovunque e più economici degli impianti a combustibile fossile esistenti nella maggior parte dei paesi. Ci sono ancora alcuni grossi ostacoli da superare, compreso il difficile contesto macroeconomico globale.  Ma la sfida più importante per la comunità internazionale è il rapido aumento del finanziamento e della diffusione delle energie rinnovabili nella maggior parte delle economie emergenti e in via di sviluppo, molte delle quali vengono lasciate indietro nella nuova economia energetica. Il successo nel raggiungere l’obiettivo della triplicazione dipenderà da questo. Questo rapporto è la prima parte chiave del lavoro di follow-up dell’AIE sui risultati energetici della COP28 che continuerà per tutto il 2024 e oltre. Questo si basa sui cinque pilastri chiave che abbiamo stabilito prima della COP28 e riguarda il triplicamento delle energie rinnovabili, il raddoppio dell’efficienza energetica, la riduzione delle emissioni di metano, l’abbandono dei combustibili fossili e l’aumento dei finanziamenti per le economie emergenti e in via di sviluppo. Seguiremo molto da vicino per vedere se i paesi stanno mantenendo le loro promesse e implementando politiche adeguate».

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Privacy Policy Cookie Policy