Come ridisegnare insieme il futuro di Roma

Ott 11, 2023

Cgil, Cisl e Uil del Lazio firmano protocollo di intesa con il Campidoglio
di Pierluigi Talamo, Segretario regionale Uil Lazio

ridisegnare il futuro di romaFavorire un confronto stabile e strutturato per lo sviluppo sostenibile della Capitale. O se volete, come ridisegnare insieme il futuro di Roma. Guarda al futuro il protocollo firmato dall’Amministrazione capitolina e dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil del Lazio – che grazie a un moderno modello di relazioni sindacali, rispettoso dell’autonomia delle parti – delinea una cornice strategica e programmatica entro la quale direzionare la crescita economica e sociale di Roma nei prossimi anni. Basato su trasparenza, confronto, condivisione, monitoraggio e verifica dei risultati raggiunti, il documento prevede azioni per potenziare – migliorandola – l’efficienza della pubblica amministrazione attraverso l’adeguamento delle competenze, favorendo il ricambio generazionale, investendo sulla formazione continua dei dipendenti. E sotto questo aspetto fondamentali saranno le infrastrutture tecnologiche, necessarie per completare la transizione digitale. Sotto la lente di ingrandimento anche le aziende partecipate capitoline con i relativi investimenti necessari per potenziare i servizi giornalmente erogati. 

Chiaro che nell’obiettivo finale di ridisegnare insieme il futuro di Roma andranno colte interamente tutte le opportunità che alla Capitale arriveranno grazie al Piano nazionale di ripresa e resilienza, dai fondi per il Giubileo, da quelli strutturali, dalle risorse del bilancio e ministeriali. Sarà quindi fondamentale agire con la massima attenzione per eliminare qualsiasi rischio di infiltrazione della criminalità organizzata riaffermando concretamente i principi della legalità e della trasparenza. Ogni risorsa dovrà essere impegnata per rilanciare lo sviluppo sostenibile e inclusivo del nostro territorio, contrastando così ogni forma di disuguaglianza. Uno sviluppo che immaginiamo offra ricadute positive e durature sia sull’occupazione con un lavoro dignitoso, stabile, retribuito secondo la legge e svolto nella massima sicurezza, sia sulla qualità della vita delle persone e dell’ambiente. A tal fine sarà fondamentale utilizzare la centrale appalti cittadina e le leve del “public procurement” per rispettare le clausole sociali e ambientali nelle gare da indire affinché il lavoro delle persone venga costantemente tutelato dalle normative sulla salute e sulla sicurezza stabilite nei contratti collettivi di settore sottoscritti dai sindacati maggiormente rappresentativi.

L’aggiornamento, la verifica, le ulteriori proposte saranno argomenti valutati in apposite riunioni trimestrali che si svolgeranno su specifici settori (Documento unico di programmazione, politiche di lavoro e welfare, urbanistica, mobilità, digitalizzazione e tutela ambientale) grazie al tavolo di confronto che prevede, a seconda dei temi da trattare, anche la presenza degli assessori comunali competenti e le organizzazioni sindacali di categoria. Sarà un lungo lavoro, impegnativo. Ma siamo certi che dal confronto, dalle relazioni sindacali corrette, potranno nascere idee e proposte che offriranno a Roma nuove opportunità di sviluppo sociale e economico.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Privacy Policy Cookie Policy