Isole sostenibili: il report di Legambiente e Cnr

Giu 23, 2022

Bene la raccolta differenziata. Per le energie rinnovabili c'è molto lavoro da fare. Ancora presenti le perdite delle rete idrica
di Redazione

isole sostenibiliIn Italia nelle 27 isole minori abitate cresce nel complesso la raccolta differenziata che registra una media complessiva del 47,33%. Troppo lenta nelle isole monitorate la diffusione delle rinnovabili. Vincoli paesaggistici troppo rigidi, complesse richieste di connessione, procedure di autorizzazione intricate e spesso obsolete, sono solo alcune delle barriere non tecnologiche che impediscono di mettere in pratica un’adeguata azione di transizione energetica in questi territori. Stallo mobilità sostenibile, depurazione, e comparto idrico. E’ quanto emerge dal report «Isole sostenibili 2022» realizzato da Legambiente e dall’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Iia) presentato a Capri nel corso della due giorni della conferenza internazionale «La sostenibilità delle Isole minori e del turismo nelle aree costiere italiane» che gode del patrocinio dei Comuni di Anacapri e Capri e di Terna come sponsor.

Presentata oggi la fotografia delle tre isole campane: Capri, Ischia e Procida. La due giorni proseguirà domani con la presentazione alle 11:30 della guida Il Mare più bello e l’assegnazione delle cinque vele. Sul fronte energetico ottima performance di Ischia, prima per quanto riguarda le installazioni di fotovoltaico tra le isole interconnesse, con circa 4000 kW seguita dall’Isola d’Elba e a Sant’Antioco (rispettivamente circa 3.700 e 2.000). Più indietro Procida con circa 340 Kw e Capri con 206 Kw. Le infrastrutture stradali isolane molto spesso soffrono di grande dispersione sul territorio, fatto che rende difficili i collegamenti nelle aree più remote dell’isola. Il mezzo privato costituisce la principale soluzione per gli spostamenti. L’isola più virtuosa in questo è Capri, in cui il tasso di motorizzazione e pari allo 0,3 v/ab, nettamente più basso delle altre isole. Il parco auto più giovane nel 2021 è confermato nell’Isola di San Pietro con il 75% di veicoli con classi ambientali euro 4,5,6 all’Isola d’Elba e Procida entrambe con il 70%. Si difende bene Ischia con il 65% e Capri con 64%. Il parco veicolare in tutte le isole è prevalentemente composto da autoveicoli, ma ad esempio nelle isole Egadi, a Procida e a Capri una buona percentuale, fino al 40%, è composta da motocicli.

La gestione integrata del ciclo dei rifiuti rappresenta una fra le maggiori sfide per le isole minori. Nella stagione estiva con l’arrivo del turismo infatti si registra un aumento fino a cinque volte del numero di presenze medie sul territorio e l’impatto correlato all’accumulo dei rifiuti può diventare insostenibile, sia a livello ambientale sia sanitario se non gestito correttamente. La media di raccolta differenziata raggiunta nelle isole è del 47,33%. L’isola di Procida risulta tra le più virtuose con 69%, seguita da Capri con 61%, molto più indietro Ischia con il 41%. Nelle isole italiane c’è un grande bisogno di innovazione, di interventi e di manutenzione sia dal punto di vista dell’approvvigionamento idrico, sia sotto il profilo della depurazione delle acque reflue. La difficoltà nell’approvvigionamento di acqua potabile si scontra anche con delle condotte colabrodo.

Isole sostenibili? C’è molto da fare. Le perdite della rete idrica sulle isole minori sono in linea con quella nazionale e corrispondono al 42% dell’acqua immessa in rete. Solo Capri mantiene questa media con perdita rete idrica corrispondente al 40% dell’acqua immessa. Peggio fanno Ischia con il 26% e Procida con il 22%. Sulle 27 isole analizzate, nessuna ha un impianto di depurazione in grado di coprire il fabbisogno rispetto agli abitanti. A Ischia, dopo dieci anni di inerzia, un nuovo impianto in grado di purificare le acque fognarie del comune di Ischia e di quello confinante, Barano, è realizzato solo al 60%. Nell’estate 2020 si sono sbloccate le procedure ferme dal 2015, ma la realtà è che anche questo nuovo depuratore non sarebbe comunque sufficiente per trattare le acque dell’isola minore con la maggiore densità di abitanti. Procida, con la candidatura a Capitale della Cultura ha accelerato anche la costruzione dell’impianto di depurazione, finanziato dalla Regione Campania, i lavori per costruire il quale sono stati avviati già nel 2009. La potenzialità massima prevista è pari a 15.000 utenti-equivalenti in periodo di alto carico, (la popolazione dell’isola e di circa 10.000 abitanti) e potrebbe quindi esser in grado di reggere anche in corrispondenza del massimo afflusso turistico dell’isola nel periodo estivo, tuttavia non si hanno notizie riguardo all’entrata in funzione del depuratore.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest