venerdì, Ottobre 18

Giorno: 18 Aprile 2019

Nascere tra le nuvole. Fiocco rosa sul cielo della Tuscia

Nascere tra le nuvole. Fiocco rosa sul cielo della Tuscia

Cronaca e Attualità
Fiocco rosa sull'eliambulanza dell'Ares 118. L'inconsueto parto in volo si è verificato nel tardo pomeriggio di ieri. Poco dopo le 19 è arrivata alla centrale operativa Ares 118 di Rieti Viterbo una richiesta di soccorso per una giovane con gravidanza a termine. La donna ha spiegato all’operatore quanto le stava accadendo. Così - dopo un rapido consulto con il medico di sala - è stato deciso di attivare l'elisoccorso, visto lo stato avanzato di travaglio e valutata anche la distanza tra il comune di Vasanello – luogo di residenza della neomamma - e l'ospedale Belcolle di Viterbo. Partita dalla base elisoccorso di Viterbo, l'eliambulanza Pegaso 33 ha raggiunto Tania (questo il nome della giovane) in 10 minuti: il personale sanitario di Ares 118 l'ha presa in carico, predisponendola per
«Operazione Zebra», ovvero come difendere i pedoni della Capitale

«Operazione Zebra», ovvero come difendere i pedoni della Capitale

Politica e Società
Si chiama «Operazione Zebra». E’ la campagna nata su Facebook  per la difesa dei pedoni e dei passaggi pedonali romani. Sostenuta al momento da Cittadinanzattiva e da alcuni comitati di quartiere (Mura Latine, Fleming-Tor di Quinto, Torresina, Eur Ferratella, Città Giardino, Comitato di Zona Via Tieri), Operazione Zebra documenta lo stato delle strisce pedonali in città e chiede impegni precisi all’amministrazione comunale. E ce n’è davvero bisogno perché i numeri sono drammatici. Nel 2015 a Roma (fonte Aci-Istat) 50 pedoni sono morti in seguito a investimenti e oltre 2.200 sono rimasti feriti. Nel 2016 i morti sono scesi a 39, ma l’anno dopo, nel 2017, sono risaliti a 49. Nel 2018, stando ai media, fino a ottobre erano morti una quarantina di pedoni. È una fatalità, è inevitabile? No.